Andy Warhol ...in the City   @   Napoli
Chiostro di Sant'Agostino alla Zecca

Da sabato 13 giugno a domenica 19 luglio 2015

"Andy Warhol ...in the City" al Chiostro di Sant'Agostino alla Zecca

Il Chiostro di Sant'Agostino alla Zecca ospiterà 100 opere del padre della POP ART. Il Chiostro di Sant'Agostino alla Zecca è un chiostro monumentale di Napoli ubicato in Corso Umberto I°, 174 a Napoli. Il complesso fu edificato nel rione di Forcella alla fine del XIII secolo per volere di Carlo I d'Angiò. Durante la prima metà del XVII secolo fu completamente trasformato su progetto di Bartolomeo Picchiatti e Francesco Antonio Picchiatti, su commissione degli Agostiniani, secondo i canoni del barocco napoletano.

Il progetto prevedeva due chiostri, di cui uno a pianta quadrata, tutt'oggi esistente, delimitato da sedici colonne tuscaniche in marmo con pilastri angolari della stessa pietra; tutto era collocato su piedistalli distanziati dalla balaustra in marmo. Le colonne sorreggono archi e il cornicione in piperno; sul cornicione sono incisi alcuni oggetti sacri, mentre nei peducci degli archi sono scolpiti i principali santi eremitani. Al centro vi sono un giardino e un pozzo. Il secondo chiostro fu demolito durante la costruzione di corso Umberto I.

Andy Warhol, nato Andrew Warhola jr., arriva a Napoli con una mostra di 100 opere.

Vero e proprio emblema della rivoluzione artistica che investì gli Stati Uniti all'epoca del boom economico, il "Padre" del consumismo, della pubblicità, della "Pop Art", viene presentato in questa esposizione attraverso tutti i periodi qualificanti della sua arte, raccolti nella straordinaria collezione della New Factory Art.

Lungo il percorso espositivo, si incontrano le celebri opere di zuppa Campbell e quella del detersivo "Brillo", il preferito delle casalinghe americane. Simboli della "mercificazione" dell'uomo moderno elevati ad opera d'arte, ma senza alcun intento polemico, piuttosto con l'intenzione di trarre ispirazione dal quotidiano, da ciò che la cultura di massa aveva reso popolare e ugualmente accessibile a ricchi e gente comune, come ad esempio la Coca-cola. Elementi a cui si affiancano i celeberrimi ritratti delle icone hollywoodiane dell'epoca, da Liz Taylor a Elvis Presley, trasposti in coloratissime serigrafie. Senza dimenticare il suo soggetto più famoso: Marilyn Monroe.

Accanto alle icone del divismo americano, compaiono anche riflessioni artistiche legate al tema della morte, come la sedia elettrica, a cui si affiancano opere, per i cultori dell'artista, come il "Book of my Garden", i "Most Wanted" o il "Washington Monument Unique Print 1974".

Un vero e proprio viaggio nell'universo di questo artista, tra le immagini di un'epoca, attualissima, tanto più significativa in un momento di caccia disperata alla "fama", come quella che stiamo vivendo, per quanto effimera. Dopotutto, come aveva affermato Warhol stesso in una profetica frase nel 1968, " nel futuro ognuno sarà famoso per 15 minuti".

  SEDE E ORARI   CONTATTI        
  BIOGRAFIA   POP ART   TECNICHE        

                            Aggiungi AndyWarhol Perugia per essere aggiornato
      © 2015 Pubbliwork .:. Tutti i diritti riservati